Giuseppe J.Bianchi - Racconti senza sconti e compromessi.

 

Giuseppe J. Bianchi  

"L'era dello sciamano bianco"






"L'era dello sciamano bianco", il primo Ep da solista di Giuseppe J. Bianchi,  è progetto artistico che procede diritto per la sua strada, senza sconti e senza compromessi, un sussulto rock minimale infarcito di elettronica, saggiamente orchestrata da Gianluca Vergalito e Giuseppe "Roial"  Reale, ed interpretato con "profonda" passione dall'artista molisano.

Un'opera musicale breve ma che squarcia e racconta la nostra società in maniera critica, con testi talvolta ironici ma mai banali, in grado di parlare del tempo presente in modo schietto e realista.

La forza del progetto,  oltre all'arrangiamento musicale mirabilmente pensato ed elaborato, sono i testi: cantati, parlati e raccontati, che metteno a nudo  le brutture del nostro "mondo", ma che tra rabbia, disillusione e amarezza, ci raccontano di una speranza che verrà e di una nuova visione del mondo.

Tra le canzoni inedite, fanno breccia  le reinterpretazioni dei brani di due sommi maestri della musica italiana, Franco Battiato e Francesco Di Giacomo, al primo Giuseppe Bianchi rende omaggio con una versione "tecnopop" di "Up Patriots to Arms", mentre rimande fedele al compianto artista sardo,  nella reinterpretazione di "Moby Dick" del Banco del Mutuo Soccorso.


"L'era dello sciamano bianco" è un progetto che attrae per proposta e originalità, che ti guarda dritto negli occhi e che senza giri di parole si prende gioco delle mediocrità e della distruzione del contesto sociale odierno, con una ottima capacità musicale ed intrepretativa  fatta di impegno, di critica, di denuncia, di sogno ed utopia. 












Commenti

Post popolari in questo blog

I Plebei e L'israelita - Tanto rumore per nulla

NOSEXFOR - Quando il rock torna a suonare le verità quotidiane.-

Tessitoria Eco - Il rock a denominazione d’origine controllata.